Il disturbo ossessivo compulsivo di personalità è un disturbo di personalità caratterizzato da un complesso di risposte rigide della personalità e comportamenti

Diagnosi secondo il criterio DSM-IV-TR
La classificazione ufficiale del DSM-IV-TR prevede la presenza di almeno quattro dei seguenti sintomi:

-Preoccupazione eccessiva per le liste, i dettagli e l’organizzazione a discapito dell’obiettivo generale
-Perfezionismo che interferisce con la riuscita di un lavoro in tempi rapidi
-Eccessiva dedizione al lavoro (non giustificata da necessità economiche) con conseguente riduzione del tempo dedicato ad attività ricreative
-Incapacità a gettare oggetti vecchi o inutili, anche quando privi di valore affettivo
-Inflessibilità su posizioni etiche e/o morali (non giustificate dall’appartenenza politica o religiosa)
-Riluttanza a delegare compiti o a lavorare in gruppo
-Stile di vita eccessivamente parsimonioso sia verso se stessi che verso gli altri
-Rigidità e testardaggine

 

 

Diagnosi secondo il criterio ICD-10
La classificazione dell’ICD-10 (nel quale il disturbo viene chiamato in inglese Anankastic personality disorder, “Disturbo anancastico della personalità”) prevede la presenza di almeno quattro dei seguenti sintomi:

-Eccesso di indecisione e prudenza
-Preoccupazione verso dettagli, regole, liste, ordine e organizzazione a discapito dello scopo generale dell’attività
-Perfezionismo che interferisce con la riuscita di un lavoro
-Scrupolosità e responsabilità eccessive
-Dedizione al lavoro e alla produttività con conseguente svalutazione delle attività ricreative e delle relazioni interpersonali
-Eccessiva pedanteria e adesione alle convenzioni sociali
-Rigidità e ostinazione
-Necessità di controllo costante ed esigenza che gli altri agiscano esattamente secondo le disposizioni del soggetto

Diagnosi differenziale con il Disturbo Ossessivo-Compulsivo
È importante non confondere il disturbo di personalità ossessivo-compulsivo (OCPD) con il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD). Quest’ultimo è una patologia completamente diversa e indipendente. Il disturbo ossessivo-compulsivo consiste in sintomi eclatanti legati al bisogno o desiderio di compiere azioni rituali, o ripetitive, in modo quasi automatico (come lavarsi le mani o toccare oggetti). Invece i soggetti affetti da disturbo di personalità ossessivo-compulsivo non hanno – salvo i casi di co-morbilità – nessun problema di questo tipo. Inoltre, il disturbo ossessivo-compulsivo è egodistonico – cioè il paziente si lamenta del problema e vorrebbe liberarsi dei sintomi – mentre il disturbo di personalità ossessivo-compulsivo è egosintonico: la persona identifica certi suoi bisogni e desideri proprio con il soddisfacimento dei sintomi ossessivi e li considera parte di sé (tendendo quindi spesso a cercare di cambiare l'”ambiente” piuttosto che se stesso/a).