I filler riassorbibili, in medicina estetica, sono materiali iniettabili che hanno una durata di 2-18 mesi a seconda del filler iniettato

Si definiscono filler riassorbibili tutti quei materiali iniettabili a scopo riempitivo utilizzati in medicina estetica che vengono in qualche modo degradati dall’organismo e dai tessuti che li hanno ricevuti.

Di solito tali materiali vengono riassorbiti tramite un meccanismo di digestione enzimatica, come per esempio l’acido ialuronico che viene digerito da un enzima chiamato ialuronidasi, e il collagene che viene smaltito dall’enzima collagenasi; oppure attraverso la disgregazione del prodotto stesso che avviene meccanicamente a causa dalla mimica facciale.

Ai fini di una buona riuscita la durata di un filler riassorbibile all’interno del tessuto cutaneo è una caratteristica molto importante in quanto essa è proporzionale all’esito estetico; maggiore sarà la sua durata e migliore e più soddisfacente sarà il risultato che si otterrà.

Quindi possiamo dire che le differenti caratteristiche fisico/chimiche dei fillers determinano la durata nel tempo e di conseguenza minori o maggiori performance di risultato.

Per qualità di risultato si intende la bellezza dal punto di vista estetico che si sarà ottenuta e ciò dipende fondamentalmente dall’abilità dell’operatore; infatti, più bravo sarà tecnicamente il medico estetico che effettuerà l’impianto, migliore sarà il risultato ma ciò è causato anche dal tipo di filler utilizzato per risolvere quel tipo di inestetismo e problema specifico.

Ogni filler, infatti, ha le sue caratteristiche fisico/chimiche e se viene prodotto per provocare un aumento volumetrico delle labbra sarà completamente diverso da quello che servirà per provocare un aumento volumetrico degli zigomi o per distendere delle rughe molto superficiali e sottili.

Per chiarire questo punto cruciale e fondamentale del mondo dei fillers basti pensare che un riempitivo a base di acido ialuronico progettato e prodotto per aumentare il volume delle labbra avrà una plasticità, una viscosità, un peso molecolare e una concentrazione completamente diverse da quello, sempre a base di acido ialuronico, che è stato invece progettato per aumentare il volume degli zigomi.

La durata media dei fillers riassorbibili nel tessuto cutaneo dipende dalle caratteristiche fisico/chimiche del materiale e, soprattutto, se il medico estetico inietta il giusto filler per quel determinato inestetismo da risolvere.

Di conseguenza varia da pochi mesi ( 2/3 ), per un materiale a bassa concentrazione e a basso peso molecolare, fino ad arrivare a un anno/un anno e mezzo per materiali ad alto peso molecolare.