Il sistema limbico comprende una serie di strutture cerebrali e un insieme di circuiti neuronali

Il sistema limbico comprende una serie di strutture cerebrali e un insieme di circuiti neuronali presenti nella parte più profonda e antica del telencefalo connessi al lobo limbico e correlati alle funzioni fondamentali per la conservazione della specie. Tale sistema è conservato nella filogenesi, ma non nella funzione essendo infatti implicato nell’integrazione dell’olfatto, della memoria a breve termine e in funzioni che si fanno più complesse man mano che si sale nell’albero filogenetico come le emozioni, l’umore e il senso di autocoscienza che determinano il comportamento dell’individuo. Il sistema limbico svolge anche funzioni elementari come l’integrazione tra il sistema nervoso vegetativo e neuroendocrino.

Il sistema limbico possiede due componenti: una parte relativa alla corteccia, una profonda, subcorticale. Della parte corticale fanno parte il giro del cingolo, il paraippocampo, l’ippocampo e la corteccia relativa ai nuclei septali. Le aree subcorticali comprendono invece l’amigdala, la formazione reticolare, il nucleo anteriore del talamo, parte dell’ipotalamo e i nuclei abenulari.

Nell’ambito dell’olfatto è da ricordare che il sistema limbico condivide con il rinencefalo numerose strutture (corteccia olfattiva primaria, complesso nucleare dell’amigdala e il neostriato ventrale) che dona quindi una forte interconnessione fra queste due porzioni di encefalo. Nell’uomo però le afferenze olfattive al sistema limbico sono molto marginali essendo maggiori quelle dalle aree associative della corteccia cerebrale, rendendo rinencefalo e sistema limbico due formazioni separabili e con funzioni diverse.

Il sistema limbico è spesso confuso e soprannominato lobo limbico che in realtà costituisce solo una componente di tale sistema dopo che, con le recenti scoperte, si è stabilito come numerose attività attribuite al sistema limbico non corrispondono ai limiti anatomici del lobo limbico.