La balanite è un’irritazione e un’infiammazione della testa del glande spesso estesa anche al prepuzio. Nel caso viene meglio definita balanopostite

 

 

Definizione di balanite
La balanite è un’irritazione e un’infiammazione, con comparsa di rossore, della testa del glande spesso estesa anche al prepuzio. In quest’ultimo caso viene meglio definita balanopostite.

Cause di balanite
La balanite è una infezione a eziologia frequentemente batterica (Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus, Neisseria gonorrhoeae) ma a volte sostenuta da miceti come la candida albicans. Può essere una balanite traumatica di tipo irritativo, da farmaci, allergica da contatto. Irritazione, prurito intimo, desquamazioni sono segnali di una origine batterica.

Fattori di rischio della balanite
La balanite è favorita dalla presenza di una fimosi ma prima ancora da scarsa igiene. In alcuni lavori scientifici si segnala che in coloro che mancano di lavarsi il pene intero, ed in particolare, se non circoncisi, evitano di retrarre il prepuzio, è decisamente comune sviluppare una balanite. Soggetti affetti da patologie quale il diabete ne vengono colpiti con maggiore frequenza. Talvolta è dovuta a malattie a trasmissione sessuale.
Una prolungata terapia antibiotica può favorire lo sviluppo di una balanite da Candida.
Negli ultimi decenni – con l’aumento medio della cura dell’igiene intima, capita che una delle cause maggiormente diffuse di balanite sia, paradossalmente, un’igiene del pene molto insistente ed ottenuta con l’uso di un sapone normale piuttosto aggressivo. Il film idrolipidico che la natura provvede a far fare alle mucose locali e che serve a proteggerle viene sciolto e lavato via, consentendo a tutte le sostanze irritanti di fare liberamente il loro lavoro.
Se si avverte la formazione di smegma o odori forti (ad es. di “pesce”), si esegue un tampone batteriologico del secreto balanico. Anche con un detergente idoneo, lavaggi troppo frequenti potrebbero danneggiare le mucose lasciando spazio ad agenti irritanti: perciò, si consiglia il lavaggio con detergente ogni giorno, ma fino a due volte al dì e dopo i rapporti sessuali. Non vi sono limiti per il solo lavaggio con acqua.

Sintomatologia della balanite
Dolore al pene
Disuria (emissione dolorosa e difficile delle urine)
Arrossamento locale
Turgore e rigonfiamento permanente del glande come nell’erezione
Tumefazione del glande e del prepuzio
Secrezione sierosa o siero-purulenta
Erosione e/o ulcerazione locale

Diagnosi di balanite
La diagnosi è sostanzialmente clinica.
Può essere opportuno eseguire delle colture microbiologiche per identificare il germe che determina l’infezione ed eventualmente una biopsia, per quella minoranza di soggetti affetti da balanite persistente, ove, in rari casi, può essere risolutiva la circoncisione.

Trattamento della balanite
Rafforzare l’igiene locale con detergenti specifici per l’igiene intima maschile, meglio se a pH leggermente alcalino.
Impacchi caldo-umidi
Impiego di lubrificanti a base acquosa durante l’attività sessuale (a volte la balanite è dovuta a un eccessivo sfregamento ‘a secco’ del glande, anche nella masturbazione)
Per la balanite micotica la terapia consiste nell’utilizzo di un antimicotico
Per la balanite batterica la terapia consiste nell’utilizzo di un antibiotico specifico
Per la balanite traumatica, irritativa, da secchezza va utilizzata una pomata antinfiammatoria non steroidea, adeguata alla delicata cute prepuziale e del glande.