La clorofilla ha tantissime proprietà benefiche per l’organismo umano rendendolo alcalino

Pochi sanno che la clorofilla gode di qualità benefiche per il nostro corpo. Solitamente quando sentiamo la parola clorofilla il primo colore che ci viene in mente è il verde e questo perché lo associamo immediatamente alle piante. La clorofilla è, infatti, quel pigmento foto sintetico che dona quel bel verde intenso alle foglie dei vegetali; la sua funzione è quella di captare l’energia luminosa del sole necessaria per dare vita al processo, assolutamente vitale per la pianta, della fotosintesi clorofilliana. In parole più semplici la clorofilla è quel composto che si trova all’interno delle piante che ha la funzione di convertire l’energia del sole in cibo per le stesse. Avendo una capacità di assorbimento molto forte, la clorofilla ha la tendenza a mascherare le altre tinte; per questo motivo il colore che noi vediamo dei vegetali è verde ed è ottenuto grazie a quelle molecole che sono in grado di assorbire le radiazioni rosse e violette che sono complementari rispetto, per l’appunto, al colore verde. Basta pensare al fatto che molte verdure, una volta cotte, assumono una gradazione di un verde sbiadito, e questo avviene perché durante la cottura l’atomo di magnesio, che è presente nella struttura stessa, viene scambiato con un atomo di idrogeno, modificando così l’energia degli elettroni; a questo punto anche le molecole cambiano colore. E’ sempre merito della clorofilla se possiamo anche avvertire quel piacevolissimo senso di freschezza che percepiamo quando tocchiamo le verdure verdi ma la sua funzione non si limita solamente alla sopravvivenza e salute delle piante ma ha un ruolo molto importante anche per gli esseri umani. Stiamo parlando di una sostanza molto particolare e viva che merita la sua conoscenza al fine di poterne sfruttare appieno tutte le caratteristiche benefiche per l’organismo. Come ormai ho detto diverse volte, una dieta sana, cioè per mantenerci in salute, dovrebbe essere costituita da alimenti alcalini all’80% e acidi al 20%. Un corpo sano, infatti, dovrebbe avere un livello di pH alcalino di circa 7,3-7,4. Diete a base di cibi acidi causeranno elevati livelli di acido nel nostro corpo e a lungo andare questo fattore darà luogo a varie malattie come gastriti, diabete, colesterolo e ictus. Per garantire le esigenze quotidiane alcaline è consigliabile introdurre nella dieta un maggior apporto di sostanze vegetali come per l’appunto la clorofilla.