La disfunzione erettile è l’incapacità di ottenere o mantenere un’erezione soddisfacente per un rapporto sessuale

Definizione di disfunzione erettile

La disfunzione erettile è l’incapacità di ottenere o mantenere un’erezione soddisfacente per un rapporto sessuale. Nella maggior parte dei casi la disfunzione erettile è correlata a patologie vascolari, neurologiche, psicologiche e ormonali; anche l’utilizzo di alcuni farmaci può determinarne l’insorgenza. 

La disfunzione erettile (precedentemente nota come impotenza) colpisce fino a 20 milioni di uomini negli Stati Uniti. La prevalenza della disfunzione erettile, parziale o completa, è > 50% negli uomini di età compresa tra i 40 e i 70 anni, e la prevalenza aumenta con l’invecchiamento. La maggior parte degli uomini può essere trattata con successo.

Cause della disfunzione erettile
Ci sono 2 tipi di disfunzione erettile:

La disfunzione erettile primaria, l’uomo non è mai stato in grado di raggiungere o mantenere l’erezione
La disfunzione erettile primaria è rara ed è quasi sempre dovuta a fattori psicologici o anomalie anatomiche clinicamente evidenti.

La disfunzione erettile secondaria acquisita nel corso della vita da un uomo che in precedenza era in grado di raggiungere l’erezione è più comune e  nel 90% dei casi ha un’eziologia organica. 

Le principali cause organiche di disfunzione erettile 

La causa vascolare più frequente è l’aterosclerosi delle arterie cavernose del pene, spesso causata dal fumo e dal diabete. L’aterosclerosi e l’invecchiamento riducono la capacità di dilatazione dei vasi arteriosi e di rilasciamento della muscolatura liscia, limitando la quantità di sangue che può affluire al pene.

Il priapismo, di solito associato con l’uso trazodone, abuso di cocaina, e anemia falciforme, può causare la fibrosi del pene e portare alla disfunzione erettile causando fibrosi dei corpi cavernosi e quindi compromissione del flusso sanguigno del pene necessario per l’erezione.

Le cause neurologiche comprendono ictus, crisi epilettiche parziali complesse, sclerosi multipla, neuropatie periferiche e del sistema nervoso autonomo, nonché traumi del midollo spinale. La neuropatia diabetica e le lesioni chirurgiche sono cause particolarmente comuni.

Le complicanze della chirurgia pelvica come per esempio la prostatectomia radicale, la cistectomia radicale, la resezione transuretrale della prostata, la chirurgia del cancro rettale sono altre cause comuni. 

Sono possibili numerose cause farmacologiche ci sono farmaci di uso comune che possono causare disfunzione erettile.

Diagnosi della disfunzione erettile
La valutazione deve comprendere l’anamnesi sul consumo di droghe (compresa la prescrizione di farmaci e prodotti alle erbe) e alcol, chirurgia pelvica e traumi, fumo, diabete, ipertensione e aterosclerosi e sintomi di disturbi vascolari, ormonali, neurologici e psicologici. La soddisfazione per i rapporti sessuali deve essere esplorata, includendo la valutazione dell’interazione con il partner e la disfunzione sessuale del partner (p. es., vaginite atrofica, dispareunia, depressione).

È di vitale importanza fare lo screening per la depressione, che può non essere sempre evidente. 

L’esame obiettivo deve essere mirato all’individuazione di segni genitali ed extragenitali da affezioni ormonali, neurologici e vascolari. Vanno valutate eventuali anomalie dei genitali, segni di ipogonadismo e bande fibrose o placche. 

Si deve sospettare un’origine psicologica nei giovani uomini sani con insorgenza improvvisa di disfunzione erettile, specialmente se associata a specifici fatti emotivi o se la disfunzione si verifica soltanto in determinate situazioni. 

Esami utili alla diagnosi di disfunzione erettile

La valutazione laboratoristica deve comprendere il dosaggio del testosterone al mattino; se il livello è basso o ai limiti inferiori della norma, si deve dosare la prolattina e l’ormone luteinizzante (LH). Sulla base del sospetto clinico bisogna eseguire le indagini per valutare la presenza di un diabete occulto, dislipidemie, iperprolattinemia, malattie della tiroide e la sindrome di Cushing.

Attualmente, l’ecografia duplex dopo l’iniezione intracavernosa di un farmaco vasoattivo come una miscela di prostaglandina E1, papaverina e fentolamina viene di solito utilizzata per valutare la vascolarizzazione del pene. I valori normali includono una velocità di flusso al picco sistolico > 25 cm/secondo e un indice resistivo > 0,8. L’indice resistivo è la differenza tra la velocità di picco sistolico e velocità telediastolica diviso velocità di picco sistolico. 

Trattamento della disfunzione erettile

Farmaci per disfunzione erettile
Il trattamento di prima linea della disfunzione erettile è generalmente un inibitore orale della fosfodiesterasi. Altri farmaci usati comprendono una prostaglandina E1 intracavernosa o intrauretrale. In ogni caso, dato che la maggior parte dei pazienti preferisce la terapia farmacologica, i farmaci orali vengono usati in assenza di controindicazioni o intolleranza.

Dispositivi meccanici per la disfunzione erettile
Gli uomini che possono sviluppare, ma non mantenere l’erezione possono utilizzare un anello di costrizione per aiutare a mantenere l’erezione; un anello elastico è disposto intorno alla base del pene eretto, impedendo la perdita precoce di erezione. Gli uomini che non riescono a raggiungere l’erezione possono prima usare un dispositivo vacuum per erezione che attira sangue nel pene tramite aspirazione, dopo di che si posiziona un anello elastico alla base del pene per mantenere l’erezione. Ecchimosi del pene, sensazione di freddo al glande e la mancanza di spontaneità sono alcuni degli inconvenienti di questo trattamento. Questi dispositivi possono anche essere associati con la terapia farmacologica, se necessario.

Chirurgia per la disfunzione erettile
Se i farmaci e dispositivi di vacuum falliscono, si può considerare l’impianto chirurgico di una protesi peniena.