L’eritema è un’irritazione cutanea che si manifesta con un arrossamento della pelle determinato dall’aumentato apporto di sangue ai vasi sanguigni del derma

 

 

Definizione di eritema
L’eritema è un’irritazione cutanea che si manifesta con un arrossamento della pelle determinato dall’aumentato apporto di sangue ai vasi sanguigni del derma superficiale.

Cause dell’eritema
L’eritema si definisce attivo quando esprime la dilatazione dei vasi arteriosi: in questo caso, si presenta di colorito rosso vivo e può essere presente un aumento della temperatura locale. È definito, invece, passivo quando è causato da una stasi venosa: in quest’ultimo caso, si presenta di colorito rosso-bluastro e con una diminuzione della temperatura locale. L’eritema presenta dimensioni, forma e localizzazione varia; scompare alla pressione a causa dell’interruzione del flusso sanguigno. Può manifestarsi per cause fisiche (meccaniche, termiche, radianti), chimiche, infettive (micosi, malattie esantematiche infantili), emotive (rossore improvviso, localizzato al volto e al collo, al verificarsi di situazioni imbarazzanti), o essere provocato da farmaci, disvitaminosi, disendocrinie o – ancora – comparire in corso di reazioni allergiche.

Classificazione degli eritemi

L’eritema solare è un’ustione di primo grado che si manifesta successivamente ad una prolungata esposizione ai raggi ultravioletti solari senza la dovuta protezione.

L’eritema a farfalla è una forma di eritema. Il suo nome lo si deve alla forma tipica della sua comparsa su entrambe le guance che si mostra come una farfalla con le ali aperte. E’ un segno di alcune patologie come la dermatite seborroica, il lupus eritematoso sistemico, la rosacea, il pemfigo foliaceo e altre patologie.

L’eritema da pannolino è una forma di eritema tipica degli infanti quando essi vengono a contatto prolungato con un pannolino sporco, vi è una correlazione con la Candida albicans, presente quasi sempre in tale forma di eritema.

L’eritema fisso da farmaco è una forma di eritema che si sviluppa ad ogni somministrazione di un dato farmaco.

L’ eritema marginato è un’anomalia dermatologica che è stata considerata una variante di un’altra tipologia specifica: l’eritema multiforme.

L’eritema multiforme o Eritema polimorfo è una forma patologica che interessa la pelle. È un’infiammazione dei vasi sanguigni causata dai globuli bianchi che, distruggendo i vasi, portano questi tessuti a necrosi ischemica e ad una reazione d’ipersensibilità.

L’eritema infettivo definito anche quinta malattia o megaloeritema è una forma di eritema a carattere infettivo ed acuto, il cui contagio relativamente moderato viene provocato dal Parvovirus B19.

L’eritema necrolitico migrante è una forma di dermopatia a placche, molto diffusa nelle persone con glucagonoma, tanto da essere definita come un “segno paraneoplastico”.

L’eritema palmare è la comparsa di rossore nel palmo delle mani.

L’eritema migrante è una lesione della pelle che inizialmente si manifesta come una piccola papula rossa ma poi si diffonde per il corpo.

L’eritema indurato di Bazin (chiamato anche malattia di Bazin) è una pannicolite, cioè una infiammazione del pannicolo adiposo sottocutaneo, tipica di alcune specie animali, che nell’uomo si riteneva potesse essere una forma di reazione cutanea specifica al bacillo della tubercolosi. Anche se effettivamente l’eritema talvolta si associa alla infezione tubercolare, tuttavia viene ormai considerato una pannicolite non associata ad un singolo patogeno definito.

L’eritema multiforme o Eritema polimorfo è una forma patologica che interessa la pelle. È un’infiammazione dei vasi sanguigni causata dai globuli bianchi che, distruggendo i vasi, portano questi tessuti a necrosi ischemica e ad una reazione d’ipersensibilità.

L’eritema nodoso è una malattia della cute, che mostra la presenza di noduli. Si tratta di un’infiammazione dei setti connettivi presenti nell’ipoderma. Fa parte della famiglia delle panniculiti.

L’eritema ab igne è una condizione della pelle causata da esposizione prolungata e ripetuta al calore (radiazione infrarossa). La prolungata esposizione a radiazioni termiche per la pelle può portare allo sviluppo di eritema reticolato, iperpigmentazione, teleangectasie nella zona interessata. Alcune persone possono lamentare lieve prurito e una sensazione di bruciore, ma spesso, tranne nei casi in cui sia marcato, può passare inosservato.

L’eritema neonatale è una forma di eritema caratteristico del neonato.

Diagnosi dell’eritema

La diagnosi dell’eritema è unicamente clinica e si basa sull’anamnesi, cioè sulla raccolta della storia del paziente e sull’esame obiettivo, cioè sull’analisi attenta della manifestazione eritematosa da parte del dermatologo.

Terapia dell’eritema

Poiché l’eritema non è una patologia a sé stante, ma è un sintomo della presenza di patologie molto diverse tra loro, la terapia mirata alla sua risoluzione, o quanto meno al suo alleviamento, dipenderà dall’individuazione del disturbo che ne è alla base.
Per stabilire la giusta terapia e i corretti rimedi da adottare è indispensabile farsi visitare dal proprio medico che saprà consigliare i comportamenti più adeguati. Sono diverse le tipologie di farmaci che possono essere utilizzate per trattare l’eritema, si va dagli antibiotici in caso di infezioni batteriche, agli antistaminici in caso di reazioni allergiche, agli antidolorifici e agli antinfiammatori per tenere sotto controllo l’eventuale prurito.