Il metabolismo basale è responsabile di una percentuale variabile del totale del metabolismo energetico, dal 45% al 70%

Metabolismo veloce o lento: da cosa dipende?
Il metabolismo basale è responsabile di una percentuale variabile del totale del metabolismo energetico, dal 45% al 70% ed è influenzato da diversi fattori:

Alimentazione: in condizioni di digiuno il metabolismo rallenta anche del 20%.
Attività fisica: il consumo di calorie, quindi il metabolismo, è maggiore durante l’attività fisica e rimane elevato anche al termine dell’attività.
Composizione corporea: il muscolo è un tessuto molto più attivo metabolicamente rispetto al grasso. Quindi più massa grassa si possiede e più è lento il metabolismo basale.
Clima: d’inverno l’organismo consuma più energia per mantenersi sempre a 37°. Infatti temperature molto rigide aumentano il metabolismo basale.
Gravidanza: il metabolismo basale rimane stabile nel primo trimestre, sale di circa l’8% al 5° mese e dal 14 al 22% negli ultimi due mesi di gestazione.
Allattamento: nella nutrice il metabolismo basale aumenta di circa il 3-6%.
Dimensioni corporee: il metabolismo basale è direttamente proporzionale alla superficie corporea. Per questo motivo persone alte e magre hanno un metabolismo più veloce rispetto ad individui di uguale peso ma di statura inferiore.
Temperatura corporea: negli stati febbrili il metabolismo basale aumenta di circa il 13% per ogni grado di temperatura superiore ai 37°C.
Età: il metabolismo è massimo nell’infanzia, permane elevato sino aa circa 30 anni per poi diminuire. Tra i 60 ed i 90 anni cala di circa l’8% per decade.
Stile di vita: le persone sedentarie hanno un metabolismo più lento di quelle attive.
Livelli ormonali: molti ormoni intervengono nella regolazione del metabolismo corporeo. I più attivi sono gli ormoni tiroidei. Un’eccessiva produzione di tali ormoni può addirittura raddoppiare il metabolismo basale, mentre un deficit può rallentarlo, anche di molto.
Sesso: grazie ad una maggiore massa muscolare, nell’uomo il metabolismo basale è più elevato, di circa il 7%, rispetto alla donna

Diversi sono quindi i fattori, ma soprattutto, le abitudini di vita che possono influenzare il metabolismo.
Per mantenersi in salute è fondamentale cercare di mantenere un metabolismo basale il più veloce possibile.
E’ quindi da evitare una vita sedentaria e un’alimentazione eccessiva. Bisogna, al contrario, caldeggiare l’attività fisica, una dieta equilibrata evitando gli eccessi